Diagrammi (1958-1962)

La scelta del nome utilizzato per il ciclo corrisponde ad una linea specifica della produzione di cucito a macchina in cui l’autore trova un’assonanza diretta con le caratteristiche visuali del diagramma. L’artista devia dai perimetri usuali del cucito per liberare forme fluide e dal movimento ondivago dei “fazzoletti”, ovvero righette di filo cucite su tela e su carta che investono anche ampie superfici. Il ciclo inaugurato nel 1958 conosce una cesura nel 1972, quando l’autore realizza l’opera dal titolo beffardo “Trionfo della morte”, utilizzando sull’estensione di 10 metri il proprio elettrocardiogramma in stato di arresto cardiaco.

Contatta l'Associazione

Per segnalare materiale o contattare l’associazione, compilare il form specificando tutte le informazioni necessarie.

Carica file
La dimensione massima per ogni file è 5.00 MB